2g Day Pontelungo Summer Festival

Arts & Crafts
2g Day Pontelungo Summer Festival

Dates

Event Ended
Sunday Jun 26, 2022 04:00 pm

Description

2G DAY GIORNATA ANTIRAZZISTA
(Pontelungo Summer festival)

Time table:

17:30
Presentazione "Sabun" romanzo di Alae al Said con la partecipazione di Cecilia parodi + Gep Bologna.

18:30
Presentazione "Blues e femminismo nero" di Angela Davis insieme a Marie Moïse, Angelica Pesarini e wissal houbabi.

19:30
Amir Issaa - rapper e autore presenterà il libro "educazione rap" (add editore) con un talk in cui verrà approfondito il valore educativo e sociale del rap.

21:00
Inizio live + dj set finale di Django .

Line up:

Afro Gang(Presentazione EP "Afrodisiaco")

Foortissimo

Janice Lima

Forstreet

Kvy Rhymes

Malcolm G

Info:

Cecilia Parodi scrittrice e rappresentante del progetto Yohzer Gaza in collaborazione con Vento di Terra e He.co.Psy - università Milano bicocca. Il progetto intende fornire supporto psicologico ai bambini e alle famiglie sulla striscia di Gaza, le donazioni vengono interamente distribuite tra i professionisti palestinesi (psicologi, educatori, operatori sociali) in rispetto della cultura, della formazione e delle necessità lavorative sul territorio.

Alae Al said, nata a Roma da una famiglia palestinese presenta il suo romanzo Sabun. Ambientato a Nablus racconta di legami, amori, amicizie, inevitabilmente devastati dall’occupazione israeliana. Un racconto realistico della vita in Palestina, capace di trasportare il lettore attraverso una vasta gamma di emozioni e nuove consapevolezze.

GeP Bologna (Giovani e Palestina) in collaborazione con Giovani Palestinesi D’Italia, presenta le iniziative della sezione Bologna particolarmente attiva nell’ambiente universitario e i progetti nazionali del GPI per promuovere la cultura palestinese e supportare la liberazione dei territori occupati .

Marie Moïse fa ricerca e attivismo in ambito femminista antirazzista decoloniale. Phd in Filosofia politica, insegna alla Stanford University of Florence e collabora con l'Università di Roma La Sapienza. Fa parte del direttivo di Razzismo Brutta Storia (Feltrinelli). E' co-autrice di "Future. Il domani narrato delle voci di oggi" a cura di Igiaba Scego (effequ 2019) e di "Introduzione ai femminismi" a cura di Anna Curcio (DeriveApprodi 2019) con il saggio "Black feminism". E’ co-traduttrice, tra gli altri, di "Blues e femminismo nero" (Alegre 2022) e "Donne, razza e classe" di Angela Davis (Alegre 2018) e "Memorie della piantagione. Episodi di razzismo quotidiano" di Grada Kilomba (Capovolte 2021). Attivista dello spazio Ri-Make bene comune alla periferia di Milano, si occupa di progetti di mutualismo di quartiere per la condivisione del lavoro di cura e l'autonomia economica delle donne.

Angelica Pesarini è Assistant Professor in Italian Studies e Race and Cultural Studies/ Race and Diaspora all’università di Toronto. Dopo aver conseguito un PhD all’università di Leeds in sociologia e studi di genere, ha lavorato come docente all’università di Lancaster e ha ideato e insegnato il corso Black Italia, alla New York University di Firenze. Il lavoro di ricerca di Angelica si concentra sulle intersezioni di razza, genere, identità e cittadinanza nell’Italia coloniale e postcoloniale. Ha pubblicato diversi articoli e saggi, sia in inglese che in italiano e nel 2021 ha co-curato il volume “The Black Mediterranean Bodies, Borders and Citizenship”. Ha partecipato all’antologia curata da Igaba Scego “Future. Il domani narrato dalle voci di oggi” e ha co-tradotto dall’ inglese “The Undercommons” (di Fred Moten e Stefano Harney, edito in italiano da Tamu e Archive Books) e “Blues Legacies and Black Feminism di Angela Y Davis (Edizioni Alegre). Attiva nelle lotte antirazziste, collabora con diverse realtà associative che si occupano di migrazione e diritti, e conduce regolarmente workshops e seminari di formazione e informazione.

Wissal Houbabi, classe 94 nata a Khouribga, poeta performer, artista, scrittrice freelance. Si muove su vari ambiti, dalla ricerca sul femminismo hip hop alla scrittura di racconti brevi che esplorano la condizione della cultura diasporica, tra le autrici di Future (effequ, 2019).

E’ performer e voce dei suoi spettacoli di poesia orale, performativa: Che Razza di Rap (2019), Taroots (2020), Scrivere con i piedi (2021), La Muta (2022). Ha collaborato realizzando workshops, percorsi, progetti di poesia con varie istituzioni culturali e artistiche, di ricerca e formazione, tra i quali IUAV , Goethe Institut, MamBo e molti altri.

E’ parte del direttivo dell’associazione Il Razzismo è una Brutta Storia (Milano), collabora a progetti ed eventi di poesia con il collettivo di spoken music Zoopalco_ZPL (Bologna) e il Premio di poesia con Musica Alberto Dubito (Milano/Treviso).

Ha pubblicato in varie antologie e riviste articoli sulla poesia e la cultura hip hop da un punto di vista decoloniale e intersezionale.

Amir issaa nato e cresciuto a Roma nel quartiere di Torpignattara, figlio di un immigrato egiziano e di una donna Italiana si avvicina all’Hip Hop all’inizio degli anni novanta, prima come breaker e poi come writer nella crew capitolina The Riot Vandals.

Tra i fondatori del leggendario Rome Zoo, un collettivo di cui hanno fatto parte nomi storici della scena rap romana come Colle Der Fomento, Cor Veleno, Flaminio Maphia, Piotta, e molti altri.

Nel 2017 pubblica il suo primo romanzo "Vivo per questo" con la casa editrice Chiarelettere e a Maggio del 2021 pubblica per Add editore un testo didattico per le scuole dal titolo "Educazione rap".

This page was generated from publicly available data. Are you the owner of this event?

Have you already downloaded the Evients app?

Don’t miss any events from your favorite venues and profiles.