Do you manage a venue?

Try our online pre-sale service and our point of sale system.

See more

A Place To Bury Strangers + Patriarchy (Op. Act Selfishadows)

Concerts
A Place To Bury Strangers + Patriarchy (Op. Act Selfishadows)

Dates

Saturday Apr 13, 2024 08:30 pm

Description

13 aprile 2024 A PLACE TO BURY STRANGERS + PATRIARCHY (Op. Act Selfishadows)

🎫 TICKETS • https://link.dice.fm/DOSw4aq0oGb

Aftershow dj set Davide Patania

La scena underground statunitense si teletrasporta sul palco del Retronouveau con due live estremamente eccitanti: da una parte l’eccellenza dello Shoegaze Newyorkese A PLACE TO BURY STRANGERS e dall’altra i controversi PATRIARCHY da Los Angeles.�
Apertura porte: 20.30 / live: 22.00�
⚡️ A PLACE TO BURY STRANGERS�Il cantante e chitarrista Oliver Ackermann della band di New York, A Place To Bury Strangers, incanta ed stupisce il suo pubblico da quasi vent’anni, combinando post-punk, noise-rock, shoegaze, psichedelia e musica d’avanguardia in modo altrettanto impressionante quanto inaspettato. Dal vivo, A Place To Bury Strangers è un’esperienza sciamanica che avvolge gli ascoltatori in un grandioso universo sonoro, con cambi di direzione deliranti, vibrazioni transcendentali, sperimentazioni in tempo reale e brillanti trovate. L’attuale formazione della band è composta da Ackermann, il bassista John Fedowitz e la batterista Sandra Fedowitz e il trio non ha mai suonato così attuale, coraggioso e melodico.�
⚡️PATRIARCHY�La band Patriarchy, con base a Los Angeles, orbita tra lo snuff metal e lo snuff pop, ottenendo uno strano mix tra ABBA e NIN. La loro estetica musicale (e non solo) è fortemente legata al sesso, al potere, alla sovversione e alla morte, con un intenso interesse per la mitologia greca antica e i film horror degli anni ‘80.

⚡️ Selfishadows è una band italiana di Dark Wave formata nel 2007 da Daniele Giustra. La band combina abilmente nuovi e vecchi synth, tastiere e batterie in un'atmosfera krautpop piena di pathos. Il suono oscilla tra l'onda e il glitch, accompagnati da una voce minimale. SELFISHADOWS riesce a portarci sia in atmosfere cupe e ovattate che sulla pista da ballo con tracce di notevole efficacia. Le onde di Selfishadows diventano infine più grigie che oscure, con una luce tesa e calda che svela sotto il cappuccio scuro e la voce avvolgente una dolce malinconia rassicurante.

This page was generated from publicly available data. Are you the owner of this event?