Elisabetta Salvatori | Delicato come una farfalla e fiero come un'aquila

Hobby
Elisabetta Salvatori | Delicato come una farfalla e fiero come un'aquila

Date

Venerdรฌ 24 feb 2023 21:30

Descrizione

Venerdì 24 febbraio ore 21.30
๐—Ÿ๐—”๐—•๐—ข๐—ฅ๐—”๐—ง๐—ข๐—ฅ๐—œ๐—ข ๐—ฃ๐—จ๐—–๐—–๐—œ๐—ก๐—œ

๐™€๐™‡๐™„๐™Ž๐˜ผ๐˜ฝ๐™€๐™๐™๐˜ผ ๐™Ž๐˜ผ๐™‡๐™‘๐˜ผ๐™๐™Š๐™๐™„
๐˜‹๐˜Œ๐˜“๐˜๐˜Š๐˜ˆ๐˜›๐˜– ๐˜Š๐˜–๐˜”๐˜Œ ๐˜œ๐˜•๐˜ˆ ๐˜๐˜ˆ๐˜™๐˜๐˜ˆ๐˜“๐˜“๐˜ˆ ๐˜Œ ๐˜๐˜๐˜Œ๐˜™๐˜– ๐˜Š๐˜–๐˜”๐˜Œ ๐˜œ๐˜•'๐˜ˆ๐˜˜๐˜œ๐˜๐˜“๐˜ˆ
๐˜๐˜ญ ๐˜ฎ๐˜ฐ๐˜ฏ๐˜ฅ๐˜ฐ ๐˜ญ๐˜ช๐˜ฃ๐˜ฆ๐˜ณ๐˜ฐ ๐˜ฅ๐˜ช ๐˜ˆ๐˜ฏ๐˜ต๐˜ฐ๐˜ฏ๐˜ช๐˜ฐ ๐˜“๐˜ช๐˜จ๐˜ข๐˜ฃ๐˜ถ๐˜ฆ

testo di Elisabetta Salvatori e Marzio Dall’Acqua

Elisabetta Salvatori porta in scena un lavoro ispirato alla vita del pittore Antonio Ligabue. Si tratta di uno spettacolo di narrazione: la performer passa dal racconto in terza persona ad alcuni primi piani interiori volti a penetrare l’anima tormentata dell’artista.
Il pittore era solito andare in giro con uno specchio appeso al collo, talvolta riflettendosi per spalancare la bocca ed emettere orribili suoni gutturali, simili a ruggiti. L’attrice propone il rito più volte interrompendo il flusso della narrazione.
La tela al centro della scena non rimarrà bianca: più volte la raccont-attrice si avvicina, dipinge qualcosa, ma solo alla fine dello spettacolo sarà chiaro di cosa si tratta.
La storia desolante di un uomo solo, tradito e abbandonato da tutti, che trova la propria personale umanità nel rapporto con gli animali e con la natura, viene narrata con pacatezza; l’attrice non scivola mai verso tonalità patetiche.
Attraverso il racconto si fa strada una sorta di pietas, il ruggito si fa qualcosa di diverso dal richiamo bestiale dell’inizio; la voce della Salvatori si sostituisce alla madre e alla donna che il pittore non stringerà mai, in un abbraccio a distanza, sensuale e salvifico. Lo spettacolo si chiude con il funerale di Antonio, il suono di una banda accompagna l’attrice che esce di scena gridando con gioia frasi in dialetto emiliano: un crescendo emozionante e toccante.
L’anima tormentata del pittore è salva, la porta via con sé la donna in bianco, la donna che porta il nome di sua madre, la donna che gli ha restituito la voce. Sulla tela ormai è perfettamente riconoscibile il muso di una tigre che spalanca le fauci.

Posto unico: € 10,40
(esclusi diritti di prevendita)

Biglietti in vendita nel circuito regionale Box Office/Ticketone

Acquisto on line su http://www.teatropuccini.it/

Questa pagina รจ stata generata con dati disponibili pubblicamente. Sei il proprietario di questo evento?

Hai giร  scaricato lโ€™app di Evients?

Non perderti alcun evento dei tuoi locali e profili preferiti.