Do you manage a venue?

Try our online pre-sale service and our point of sale system.

See more

Presentazione del libro “Canzoniere” di Angelo Sturiale

Culture
Presentazione del libro “Canzoniere” di Angelo Sturiale

Dates

Event Ended
Wednesday Feb 14, 2024 05:30 pm

Description

Mercoledì 14 febbraio alle 17:30 - Sala grigia

Presentazione del libro “Canzoniere” di Angelo Sturiale (Edizioni Le Farfalle, 2024).
Dialogherà con l’autore Angelo Santangelo.

Un vero e proprio itinerarium mentis è il libro di Angelo Sturiale, in cui i versi sono creature liquide, multiformi, indefinite, cangianti. Ne scaturisce una poetica caleidoscopica della meraviglia e della creazione «tra concetti e parole, tra musiche e suoni, tra segni e gesti e tra linee e colori», in cui la poesia «non gioca mai a nascondino», ma, originatasi da un tripudio di “simmetrie sonore” e “radici aeree”, sogna l’opera d’arte più “bella” e “vera”, senza infingimenti, vacui proclami e adulazioni di maniera, per cui «Questi poemi […] costituiscono ponti per le debolezze / dell’anima». […] Ed ecco aleggiare un “respiro di farfalla”, che si libra sopra le rovine della civiltà occidentale di cui la Sicilia è il triviale ritratto: «Andrò via dalle strade ingoiate dall'asfalto, dalle / feste rumorose, dai cani a sbraitare nelle notti rosa e nere / dei tramonti violentati da reati e omertà» verso una palingenesi che ha il nome di Oriente, antidoto efficace contro “specchi”, “centri”, “punti” ed “isterie”. (Dal risvolto di copertina di Angelo Santangelo).

da “Lente”:

Ti ho smarrito in un pomeriggio assolato di panico
e tempesta, di suppliche e scongiuri per schivare l'abisso
infinito del tuo imminente abbandono. Ti ho cercato
invano tra gli esotici aromi di terre assai amate, tra i
paesaggi di sogni ormai troppo lontani, tra le reti
profonde che nei mari pescosi separavano me dal tuo
continente di giada. Ti ho perduto tra la folla accaldata
e i mercati gremiti di agosto che svendevano carni e
fiori come il mio cuore ormai cavo senza più te e le tue
false carezze. Ho chiesto a chiunque dove mai potessi
recarti senza più il mio amore perenne e perdente,
senza l'eccesso esclusivo delle mie ansie malate, delle
analisi ossessive e i ricorsivi dilemmi delle mie intuizioni. […].

da “Via”:

[…] E questi chilometri di rara simmetria
e sensualità struggente tra le mille curve e i pochi
rettilinei di queste strade come gemme incastonate
tra oceani di cemento cocente e inalterabile degrado,
parlano di poesie e silenzio, di cromatici equilibri senza
alcun difetto o distrazione, nutrono il cuore con serene
riflessioni, senza l'ombra o l'eco di spinte e gomitate,
di meschine invidie, di tossiche amicizie agghindate da
inganni e ipocrisie. I contorni di queste povere case tra
i giardini e le macchie di colore e i cavalli solitari, tra le
cavità sulle pareti abbandonate da cui spiare idealmente
il mondo, iniettano sul corpo una luce diversa da ogni
altra luce, accarezzano i pensieri e li addolciscono mentre
là fuori si consuma uno spettacolo di musica e natura di
incredibile bellezza, tra la sconcezza di scritte e parolacce
imbrattate su pareti occasionali, occultate da frasche e
cespugli, da coperte e cianfrusaglie nei garage e cantine
dimenticate da indolenza e oblio. […].

da “Angelo Capovolto”:

Dove vai, angelo capovolto dal mondo? Dove vai con
le ali nervose e spiegate che solcano i cieli imbrattati
di rame? E dalle nubi capienti e imbiancate di piombo,
dal frastuono di bianco e di nero che delinea il tuo occhio,
dove mai te ne vai coi fortissimi e i piani che schiacci e
nobiliti col tuo tocco di ali? Dove vai, o mio angelo
inquieto coi tuoi suoni di incanto? Dove vai con quel
manto che striscia e che graffia tra le corde di fiumi e
colline intrecciate alle piume di penne, alle penne d'
inchiostro con cui tracci e disegni senza alcun orizzonte? […].

This page was generated from publicly available data. Are you the owner of this event?