Do you organize events?

Sell your tickets on Evients at a transparent price!

See more

[#redrum anteprima] - David Eugene Edwards (Wovenhand / 16 Horsepower)

Concerts
[#redrum anteprima] - David Eugene Edwards (Wovenhand / 16 Horsepower)

Dates

Event Ended
Thursday 5 Oct 2023 21:30

Description

#lachute
in collaborazione con #musicpool
presenta

♦๏ธ DAVID EUGENE EDWARDS
(Wovenhand / 16 Horsepower) LIVE

๐Ÿ“… Giovedì 5 ottobre ore 21.30
Circolo Arci Il Progresso
via Vittorio Emanuele II 135 Firenze

โœ… Prevendita online: https://oooh.events/...e-edwards-biglietti/

๐Ÿ“Œ ingresso 15 euro • ridotto soci arci 12

infoline:
๐Ÿ“ง assculturalelachute@gmail.com
๐Ÿ“ฒ 339.8615225 333.7662434

-----------------------------------------
La sua musica con l'innovativo gruppo folk heavy droning Wovenhand, e prima ancora l'ossessionante reviviscenza dell'Americana antica e solitaria dei 16 Horsepower, hanno infuso un senso quasi apoca littico di urgenza e pregnanza in archetipi musicali abbandonati da tempo nel secondo Novecento. Chiunque l'abbia visto esibirsi dal vivo potrà testimoniare la sua accattivante
intensità nel cantare e nell'estrarre dal suo strumento la furia e la bellezza oscura che lo contraddistinguono.

Ora, nel suo primo album da solista a suo nome, Edwards propone un suono unicamente suo, con una vulnerabilità e un'introspezione mai sentite prima. Spogliandosi del rock pesante del suo recente lavoro con Wovenhand, Hyacinth mette al centro dell'attenzione la sua voce e una strumentazione parca. In queste canzoni si percepisce una bellezza cupa e un tono stanco del mondo. L'album potrebbe essere considerato un leggero ritorno alle sonorità più melodiche di Secret South dei 16 Horsepower (2000) e del primo album autointitolato Wovenhand (2002). Ma qui c'è di più: una corrente ritmica pulsante che ricorda i loop di nastro e i ritmi rudimentali del post-punk industriale degli anni '80 e i beat stile 808 Drill. L'effetto complessivo spesso si avvicina al suono del ticchettio dell'orologio che scandisce la nostra mortalità.

"Hyacinth era una sorta di visione", dice Edwards. "Un sogno. Ho cercato nel mio vecchio banjo di legno e nella mia chitarra a corde di nylon un percorso nascosto. Segreti che mi avevano tenuto nascosti per tutti questi anni, e ho creato un nuovo Mythos per me stesso di idee o concetti filosofici e spirituali". Fin dall'inizio della pandemia, Edwards trascorse un periodo considerevole in isolamento, ammalato e colpito duramente in tutti i sensi. Una volta imbrigliata la musica dentro di sé, ha arruolato il polistrumentista e produttore Ben Chisholm (The Armed, Chelsea Wolfe, Converge) per aiutarlo a realizzare la registrazione e il mix dell'album. "Nel complesso, credo che l'album sia un intreccio di narrazioni antiche e moderne, della ricerca da parte dell'umanità di comprendere il mondo in cui ci troviamo e gli altri. In tutta la sua semplicità e
complessità", dice Edwards. "Il giacinto è un riferimento al mito greco di Apollo. E la parola significa una pietra preziosa e un fiore di allodola blu di colore viola e pallido". Oltre al suo lavoro con Wovenhand dal 2001 a oggi e con Sixteen Horsepower dal 1992 al 2005, Edwards ha collaborato con artisti come Crime & the City Solution, Alexander Hacke (Einstürzende Neubauten) e Carpenter Brut. Ha inoltre contribuito alle colonne sonore di film come Searching for the Wrong - Eyed Jesus, The Brass Teapot e Titane.
-------------------------------------------

This page was generated from publicly available data. Are you the owner of this event?